Se io fossi Alice nel Paese delle Meraviglie…

*Lelio-Alesta on deviantART.
“Se io avessi un mondo come piace a me, là tutto sarebbe assurdo: niente sarebbe com’è, perché tutto sarebbe come non è, e viceversa! Ciò che è, non sarebbe e ciò che non è, sarebbe!” (Alice)

Quante volte ho desiderato essere lei da piccola. Ancora adesso mi guardo il cartone della Disney, immaginando di essere in quella sala a mangiare il famoso biscotto “Eat me” che mi fa diventare gigante e bere la pozione “Drink me” che mi fa diventare minuscola, passare dalla porticina parlante per inseguire il Bianconiglio, imbattermi in quei pazzi del Cappellaio Matto e del Leprotto Bisestile per sorseggiare un tè (lei non ci riesce, ma quanto vorrei fargli vedere io come farsi rispettare! – si fa prendere per il culo pure dai fiori…-) e festeggiare il mio “non compleanno”, dirgliene 4 al Blucaliffo, impedire a quello stronzo di tricheco di mangiarsi le Ostrichette, prendere lo Stregatto e usarlo per fare il lancio del giavellotto prendendolo dalla coda, dipingere di rosso le rose bianche e tagliare la testa alla Regina di Cuori…

Conosco ogni battuta del cartone a memoria…mentre devo dire che il film “Alice in Wonderland” di Tim Burton ha un tantino deluso le mie aspettative, in primis il personaggio di Alice: fisicamente non mi piace, graziosa non lo è per nulla, sembra malata e depressa, più che curiosa dà proprio l’impressione della persona tipica che se il mondo dovesse cadere lei si sposterebbe…tutto il contrario dell’immagine di lei che ho io nella mia testa.

Johnny Deep fantastico come sempre, ineccepibile da ogni punto di vista.

Gli altri personaggi non mi hanno entusiasmata per nulla.

Ho trovato la trama un pò noiosa e più che un sogno nel il Paese delle Meraviglie mi è sembrato un incubo, a partire dal tizio super sfigato che Alice avrebbe dovuto sposare…(ma perchè?? cosa centra poi…?)

Avrei preferito se Tim Burton si fosse attenuto alla versione di Walt Disney, che è stata sviluppata all’ennesima potenza rispetto allo stesso originale di Lewis Carroll (ho finito di leggere il libro ieri sera).

Invece dell’ Alice bambina curiosa che io amo, Burton “il visionario” ha preferito un’ Alice quasi adulta che è tornata nel mondo delle meraviglie in cui era stata da piccola per sconfiggere non si è capito cosa e perchè.
Quindi…cartone promosso con lode, film bocciato (e quanto avrei voluto farmelo piacere…l’ho rivisto 3 volte per vedere se riuscivo ad apprezzarlo…).
Film a parte, il personaggio di Alice è adorabile.
Se dovessi scegliere io la immagino così (queste due ragazze sono di una bellezza straordinaria):
 –
 Vogliamo parlare dei matrimoni a tema?? Fantastici.
 –
red black and white alice in wonderland wedding | ... : wedding alice in wonderland black diy ivory reception red IMG 3808

Alice in Wonderland Wedding Cakes | Alice in Wonderland, vintage tea party themed, topsy turvy cake…..

Alice in Wonderland
alice in wonderland decorating ideas | Click to buy Wedding Reception Decoration Ideas: Lucky in Love Dice ...
“Qui devi correre più che puoi per restare nello stesso posto. Se vuoi andare da qualche parte devi correre almeno il doppio.” (L. Carroll)
Alice ♥
Chi non vorrebbe trovarsi, anche solo per una notte, in questo posto magico, incantato, fatto di sogni…per sfuggire dalla realtà che ci circonda, dalle brutte cose che sentiamo ogni giorno accadere nel mondo, e noi, impotenti, non possiamo fare nulla…?
L’unica cosa che possiamo fare è SOGNARE.
E quello, cari miei, nessuno ce lo può portare via.
Baci, Polly.
Annunci

Summer Tag 2015

https://nonsololeggenda.files.wordpress.com/2015/06/summer-tag.jpg?w=500&h=288

Eccomi pronta a rispondere, come sempre volentieri, ad un nuovo tag, il Summer Tag 2015!

Ringrazio calorosamente La Ragazza Rosa e Qualcuno Che Ha Aperto Gli Occhi per avermi nominata e l’ideatore Iriseperiplo (https://iriseperiplo.wordpress.com).

Ecco le regole da seguire per questo Tag:

  • citare il Blog che ha creato il Tag e quello che vi ha nominati
  • inserire come immagine principale quella che vedete qui sopra
  • nominare 5 blog e avvisarli di averli taggati
  • raccontare le vostre preferenze estive, iniziando con abiti, calzature e creme solari, continuare con il piatto estivo e il gelato preferito, e per ultima la vostra canzone dell’estate per eccellenza.

L’ estate…la mia stagione preferita! finalmente ci si può svestire degli infiniti strati di abbigliamento e indossare una comoda t-shirt, abbandonare stivali pesanti e pelosi e calzare delle comode ciabattine, dire “ciao!” alla pelle color mozzarella (che sa pure di persona ammalaticcia…) per prendere finalmente un bel colore dorato e abbronzato.

E puntualmente ogni anno apro l’armadio e non trovo mai niente che vada bene, quindi che si fa?

SHOPPING!!

Posto la foto dei miei ultimi acquisti (rigorosamente Zuiki)

wpid-20150617_132730.jpg

Per le creme solari l’anno scorso ho utilizzato quelle della Just e della Solarium, davvero buone, e un accelleratore di abbronzatura della Naturalia.

wpid-20150617_133135.jpg    wpid-20150617_133257.jpg

Per quest’anno non ho ancora provveduto, quindi vedremo!

Di piatti tipicamente estivi ce ne sono tanti, ma in primis metterei l’insalata di riso, poi insalatone varie (io di solito ci metto mozzarella, tonno, pomodori, mais e insalata), macedonia, pasta fredda (assolutamente tricolore -pomodorini, basilico e mozzarella-) e tanti, tanti gelati!

Per l’appunto, adoro le creme, quindi stracciatella, pistacchio e nocciola sono i miei preferiti. Tra le coppe artigianali della mia gelateria di fiducia scelgo sempre la coppa After Eight: menta, stracciatella, sciroppo di menta e panna montata (in realtà l’originale sarebbe con il cioccolato, ma visto che sarò l’unico essere umano sulla faccia della terra a cui non piace il gelato al cioccolato lo faccio sempre sostituire :D).

Per quanto riguarda i gelati confezionati mi devi togliere un sassolino dalla scarpa, anzi, 2:

  1. Maxibon: perchè cavolo hanno sostituito la copertura fondente con quella al latte?!? è troppo dolce, e mi è caduto un mito.
  2. Perchè non fanno più il Camillino?? chi se lo ricorda? nella pubblicità c’era la tipa che si metteva il mascara e mangiava il Camillino contemporaneamente… (per essere chiara, non intendo il Camillino biscotto, ma quello degli anni 90!). Lo adoravo da piccola…

Ad ogni modo il gelato confezionato più buono che ho mangiato (ovviamente in limited edition, ti pareva..) è il Magnum Temptation Fruit:

                 

Concludo con la mia canzone d’estate per eccellenza, che appena la sento non riesco a stare ferma: Danza Kuduro!

Anche sono passati ben 5 anni questo tormentone non mi ha ancora stancata…

Bene, ora passo ai miei 5 nominati:

manutenzionepiscina, Dora Buonfino, lasolitaimpertinente,  E voi che ne pensate e L’Angolo degli Smalti.

Kiss,

Polly ❤

Viaggio sulle orme di Jane Austen in “Orgoglio e Pregiudizio”

Prima o poi lo faccio. Devo trovare un’altra maniaca come me e partire alla scoperta dei luoghi della mia scrittrice preferita.
Chi di noi non ha mai sognato di trovarsi in quei luoghi meravigliosi che fanno da sfondo a “Orgoglio e pregiudizio”, a contemplare la bellezza della natura che in questi posti straordinari è rimasta incontaminata e intatta nel tempo?

Per le appassionate di Jane Austen (ma non solo) è possibile fare un tour nei luoghi di Orgoglio e pregiudizio, tra dimore nobiliari, set e brughiere. Un valido detour estivo per chi passa da Londra (fonte: Oggiviaggi)

Elisabeth Bennet e Mr. Darcy hanno da poco compiuto 200 anni. Era infatti il 1813 quando il romanzo Orgoglio e pregiudizio venne pubblicato per la prima volta.

Ecco di seguito un itinerario on the road nei luoghi che ispirarono Jane Austen e nelle dimore storiche usate come set per una delle più celebri trasposizioni cinematografiche del romanzo.

Si parte da Bath, nel Somerset, Patrimonio UNESCO e nota fin dall’epoca romana per le sue terme, per arrivare nel Derbyshire, a Chatsworth House, dove l’autrice immaginò di ambientare Pemberley, la sontuosa residenza dei Darcy.

A BATH SULLE TRACCE DELL’AUTRICE.

Da Bristol, Bath si raggiunge in circa un quarto d’ora. La città è rimasta fortemente legata alla figura di Jane Austen, che qui visse tra il 1801 e il 1808. Passeggiando tra i quartieri georgiani è facile perdersi in fantasie romanzesche, anche se Bath è più legata all’autrice che ai suoi personaggi. La città ha subito pochi cambiamenti nel corso degli anni.

Per una full immersion nel clima ottocentesco del romanzo, potete fare un salto al Jane Austen Centre, al numero 40 di Gay Street, la stessa strada in cui visse l’autrice. Il palazzo ospita un’esposizione permanente, una sala da tè in perfetto stile inglese, e periodicamente fa da sfondo a eventi e rassegne. Per i fan più irriducibili c’è anche la possibilità di vestirsi con abiti d’epoca e calarsi totalmente nel clima della residenza.

A CHAWTON, NELLA CAMPAGNA INGLESE.

La casa natale di Jane Austen si trova invece a Chawton, a circa 80 Km da Bath. Il cottage in mattoni rossi dove visse l’autrice oggi ospita il Jane Austen’s House Museum, che conserva manoscritti, lettere, gioielli e oggetti di uso comune, tra cui anche lo scrittoio. La cittadina però merita una visita soprattutto per le atmosfere che la caratterizzano. Si tratta, infatti, di un piccolo borgo con poche abitazioni, circondato da boschi. Una campagna inglese rimasta pressoché immutata nel corso di questi due secoli.

L’ENCHANTED FOREST DI LONGBOURN.

Da Chawton il viaggio prosegue verso Groombridge Palace, nel Kent, vicino a Tunbridge Wells. La residenza si è trasformata in Longobourn, la dimora dei Bennet, nel Pride &Prejiudice di Joe Wright, il film del 2005 con Keira Knightley e Matthew Macfadyen nei ruoli di Elisabeth e Darcy.

L’edificio è una residenza privata chiusa al pubblico, ma a Groombridge non sentirete l’esigenza di una visita indoor. La vostra attenzione sarà catalizzata dagli eleganti giardini che circondano il palazzo, risalenti al XVII secolo e, soprattutto, dall’Enchanted Forest. Un nome non casuale. Qui infatti è possibile incontrare una fauna bizzarra, tra cui lo zeedonk, curioso animale frutto dell’incrocio tra zebra e asino, e i conigli giganti, alti ben 60 cm. Tra fiori e piante anche altalene extralarge fissate agli alberi.

A NETHERFIELD, DA MR. BINGLEY.

Per vedere Netherfield, la residenza di campagna di Mr. Bingley, l’amico di Darcy, si deve invece andare a Reading, nel Berkshire, dove sorge Basildon Park. Si tratta di un palazzo del XVIII restaurato nel 1950. I lavori sono stati compiuti nel pieno rispetto della struttura originaria, che rischiò la demolizione nel corso del secolo scorso. Gli arredi interni sono frutto di una ricerca rigorosa di pezzi originali, nel desiderio dei proprietari di riportare il palazzo al suo antico lustro. Basildon Park è aperto tutti i giorni, dal 9 marzo al 3 novembre.

DA MERYTON AL PALAZZO DI LADY CATHERINE.

  

Da Basildon Park si arriva a Stamford, nel Lincolnshire, in circa mezz’ora. Nel piccolo centro medievale sono state girate le scene del film di Wright ambientate a Meryton, il centro della vita sociale della famiglia Bennet.

A pochi Km da Stamford sorge invece Burghley, che sullo schermo è il palazzo di Rosings, dove vive Lady Catherine De Bourgh, la zia di Darcy. La dimora risale alla metà del Cinquecento, quando fu fatta costruire dal cancelliere di Elisabetta I, William Cecil. Ci vollero 32 anni per terminare i lavori, tanto che oggi Burghley è la più grande dimora inglese di epoca elisabettiana. È qui che Darcy si dichiara a Elisabeth, che però lo rifiuta. Dopo i fatti di Rosings la storia si avvia rapidamente alla conclusione, in un crescendo di rivelazioni e colpi di scena.

LE DUE PEMBERLEY.

     

Un po’ fuori percorso, ma raggiungibile con qualche giorno in più a disposizione, c’è Disley, nel Cheshire. Siamo a 35 km da Manchester, vicino a Peak District, il più importante Parco Nazionale del Paese. Circondata dalla brughiera, che regala panorami mozzafiato, sorge Lyme Park, che era Pemberley, la casa di Darcy, nella versione di Orgoglio e pregiudizio realizzata nel 1995 per la BBC .

Sempre nel Peak District, a pochi km da Lyme Park, c’è un’altra Pemberley, quella vera. Chatsworth House, nel Derbyshire, è la dimora dei Duchi del Devonshire, a cui Jane Austen si ispirò realmente per la Pemberley del romanzo. Sia la residenza che i giardini sono visitabili, a partire dal 10 marzo.

Pronte a partire??

Polly ❤

Boomstick Award

Il Boomstick Award é stato ideato da Hell, con il suo banner rimanda a ”l’Armata delle tenebre”, un film del 1992 interpretato da Bruce Campbell nel ruolo di Ash, nel terzo capitolo della serie horror “La casa”.  Il Boomstick è un fucile che Ash chiama “bastone di tuono” e, con l’assegnazione del premio, il blog è il nostro bastone di tuonoE’ un premio per tutti quei blog che si sono distinti per la loro spiccata personalità. Come in ogni nomina ci sono delle regole da seguire che vi riporto qui sotto:

  • Riportare il nome dell’ideatore del premio e del banner;
  • Ringraziare il blog che ci ha nominati;
  • Attenersi alle regole perché è prevista una reprimenda d’ufficio;
  • Nominare 7 blog ( soltanto 7) meritevoli e motivare l’assegnazione del premio.

Per prima cosa ringrazio di cuore alessialia per le belle parole spese per me e per il mio blog, fa sempre piacere ricevere complimenti.

I blog che nomino sono:

– sidilbradipo1: il suo primo commento ad un mio post l’ho dovuto rileggere un paio di volte, perchè non ci avevo capito letteralmente nulla. ma ora che ci ho preso l’abitudine e sto imparando a conoscerlo non vedo l’ora che mi commenti qualcosa. è spiritoso e scrive in terza persona; il suo blog è molto “shabby” e creativo.

AlessiaILoveCapelliRicci: il suo blog mi piace perchè lo trovo MOLTO ordinato, e io i siti incasinati non li sopporto proprio. parla di bellezza, make up, capelli e dispensa utili consigli e recensioni su prodotti testati.

unghiesmaltate98: se siete appassionate di nail art non potete non seguirla! ragazza tra l’altro molto gentile e disponibile! grande Bea!!

francimakeup: adora i trucchi, si trucca e poi posta le foto sul suo blog! semplicemente fantastica!! ma Francesca non fa solo questo, ovviamente!! recensisce anche i tantissimi prodotti da lei testati.

Mi….semplicemente: è stata la prima persona a darmi il benvenuto su wp, con i suoi pensierini è sempre piacevole ricevere il buongiorno.

Pentagrammi di farina: 5 amiche che condividono nel loro blog gustose ricette e la passione per la musica. il loro “music food blog” mi piace molto: l ‘unione fa la forza! quindi continuate così pentagrammate!

A casa di Bianca: un blog curioso, ricco di consigli utili sull’ospitalità in casa propria…davvero un’idea geniale in cui non mi ero mai imbattuta e dove potrete trovare anche qualche buona e sana ricettina!bellissimo blog!

A presto…

Polly ❤

Segni zodiacali book tag

Ringrazio per avermi gentilmente nominata a questo nuovo tag che apprezzo molto:

Ecco le regole:

-Ringraziare il Blog che ti ha nominato
-Nominare almeno 5 Blogs.
-Usa come immagine quella in cima a questo post

Ariete: un romanzo avventuroso con protagonisti coraggiosi

FALLEN saga di Lauren Kate

Toro: Un romanzo con un protagonista maschile affascinante

IO SONO GREY di Alice Montgomery (premetto che questo non l’ho ancora iniziato)

Gemelli: Un romanzo che ti ha incuriosito per una sua particolarità

LA BIBLIOTECA DEI MORTI di Glenn Cooper


Cancro: Un romanzo con una protagonista talmente testarda da risultare antipatica

WINGS di Aprilynne Pike

♣ Leone: un libro che a tutti piace ma che a te assolutamente non è piaciuto

ANGEL di Dorotea De Spirito (non ho idea se sia piaciuto o no a tutti, ma io ne sono rimasta delusa)

♣ Vergine: la tua protagonista preferita

Elizabeth Bennet


♣ Bilancia: un libro con una cover bellissima

RED di Kerstin Gier


Scorpione: un libro che, leggendolo, ti ha fatto sentire più forte

BREAKING DAWN di Stephenie Meyer

♣ Sagittario: un romanzo che parla di una storia vera

MEMORIE DI UNA GEISHA di Arthur Golden


♣ Capricorno: vai subito al sodo e descriviti con il titolo di un libro

ORGOGLIO E PREGIUDIZIO di Jane Austen

♣ Acquario: consiglia un romanzo ambientato nel futuro

THE HOST di Stephenie Meyer


Pesci: un libro che ti ha fatto sognare ad occhi aperti

TWILIGHT SAGA di Stephenie Meyer

A mia volta taggo:

TopoloD3xter

VinVivendo

Dama Con il Cappello

lulasognatrice

TADS

ciao ciao!

Polly ❤

Dessert velocissimo: Fragole e crema alla Nutella

Una sera dopo cena, presa da una voglia irrefrenabile di dessert, ho aperto frigo e dispensa, ho preso degli ingrendienti che a primo occhio potevo amalgamare insieme senza fare un disastro di abbinamenti e ho dato il via all’ispirazione del momento.

In realtà con queste dosi escono 4 coppettine, ma la prima volta che l’ho fatto ho preso due sleppe di coppe da saziare un bue…

Ad ogni modo…

INGREDIENTI:

– 250 gr di mascarpone

– un cucchiaio abbondante di Nutella

– fragole a piacimento

– 2 quadratoni di cioccolato fondente

– un pò di acqua, zucchero e limone

– pavesini (una bustina potrebbe essere sufficiente)

PREPARAZIONE:

tagliate a pezzettini le fragole e mettetele a macerare con acqua, zucchero e limone.

prendete una ciotola e unite il mascarpone e la nutella; poi tagliate a scaglie il cioccolato fondente.

prendete delle coppette e iniziate a fare dei mini-strati con i pavesini (bagnati nell’acqua delle fragole), le fragole, la crema di mascarpone e Nutella e le scaglie di cioccolato.

io con 2 strati ho fatto, dipende ovviamente dalle dimensioni delle coppette, e a quanto vi piace sguazzare nella crema (a me tanto!).

wpid-2015-06-03-10.28.42.jpg.jpeg

ricettina improvvisata, velocissima e vi assicuro: risultato garantito!!

a presto, Polly ❤

Blake Lively

Adoro il suo stile.

Adoro i suoi capelli.

Adoro i suoi outfits e il suo look sempre impeccabile.

Tra suoi sogni nel cassetto (come se non ne avesse già abbastanza) ci sarebbe anche quello di creare una propria linea di abbigliamento (ora la adoro ancora di più), anche se per il momento questo suo sogno rimarrà dove è ora, per l’appunto, nel cassetto.

La sua carriera da fashion icon inizia nel 2007, quando il suo personaggio Serena van der Woodsen si fa conoscere a suon di tacchi nella serie tv Gossip Girl. Poi la svolta professionale: nel 2011 Karl Lagerfeld la sceglie come volto della campagna Chanel (e le chiede di accompagnarlo al Met Ball nello stesso anno), Christian Louboutin le dedica un nuovo modello delle sue calzature, Gucci la trasforma in testimonial beauty e L’Oréal Paris le concede l’onore di creare un rossetto.

Sul red carpet si sa muovere benissimo…

     

     

se poi ci mettiamo un fotografo professionista per un photoshoot da prima copertina, il risultato non può essere che da urlo:

28 anni, bellissima, mamma a tempo pieno da pochi mesi, supportata da un marito presente che l’aiuta a superare le notti insonni (capirai…), con James Blake ha realizzato un sogno che aveva da sempre, quello di diventare mamma.

la bimbA (A!!) si chiama James (no ma… tradotto in italiano è Giacomo!! -“poverina”-). L’attrice ha spiegato di aver chiamato la bimba James per rispettare le tradizioni: “E’ un nome di famiglia”, ha detto. “Mi è piaciuto darle un nome maschile”, ha sottolineato. Nome che è rimasto a lungo segreto. (e forse era meglio se rimaneva segreto!).

piccolo dettaglio a parte…invidia allo stato puro.

la nostra Serena è cresciuta, e pure molto bene devo dire. le sue interpretazioni nei suoi recenti film devo dire che mi hanno colpita positivamente.

continua così Blake!

kiss kiss, Gossip Girl…ehm…Polly! ;P